Papa Francesco: intervento “speciale” | Così il prossimo G7 entrerà nella storia

È la prima volta nella storia che accade: un Pontefice che parla agli altri capi di Stato in un incontro importante per la storia dell’umanità e del pianeta Terra.

Il G7 è pronto ad ospitare Papa Francesco ed il suo discorso. Un intervento sull’intelligenza artificiale che tutti attendono dal Santo Padre.

Papa Francesco ed il suo “speciale” intervento | Al G7 tutti lo attendono
photo: ansa.it

Perché questo intervento? Cerchiamo di capire insieme di cosa si tratta.

Papa Francesco alla svolta storica

È la prima volta nella storia che un Papa partecipa ad un evento così importante fra altri capi di Stato. L’annuncio della sua presenza al G7 in Puglia, dove l’argomento saranno le intelligenze artificiali, è stato dato direttamente dalla premier Meloni: Sono onorata di annunciare la partecipazione di Papa Francesco ai lavori del G7 nella sessione dedicata all’intelligenza artificiale. Ringrazio di cuore il Santo Padre per aver accettato l’invito dell’Italia”.

Un messaggio diffuso attraverso un video sui social che ha permesso a tutti di conoscere questo importante momento ed evento che vedrà Francesco sedere e parlare, anche in qualità di capo di Stato Vaticano, al tavolo con i sette grandi del mondo e parlare di un argomento che, piano piano, sta interessando anche la Santa Sede.

Papa Francesco ed il suo “speciale” intervento | Al G7 tutti lo attendono
photo: ansa.it

Il suo intervento al G7

A sua volta, la sala stampa Vaticana ha annunciato che l’intervento di Papa Francesco sarà in presenza e la sua partecipazione si inserisce nel percorso avviato dalla Pontificia accademia per la Vita. “È la prima volta nella storia che un pontefice partecipa ai lavori del Gruppo dei Sette e il Santo Padre lo farà nella sessione outreach, quella aperta anche ai Paesi invitati e non solo ai membri del G7” – ha continuato Giorgia Meloni nel suo messaggio social – Sono convinta che la presenza di Sua Santità darà un contributo decisivo alla definizione di un quadro regolatorio, etico e culturale all’intelligenza artificiale”.

La Meloni ha voluto, inoltre, evidenziare ancora di più la presenza del Santo Padre alla riunione del G7 a guida italiana anche sulla base del cammino che la Santa Sede ha iniziato nel 2020 con la “Roma call for ethics”, che ha l’obiettivo di sviluppare una “algoretica”.

Un momento particolare e speciale allo stesso tempo, pienamente accettato anche dal Papa che sarà presente e parlerà al mondo con la sua semplicità di sempre che, però, arriva dritto alle menti ed al cuore di chi ascolta.

Impostazioni privacy