Matteo Messina Denaro: in arrivo la mini-serie | Serviva?

Pare che la miniserie sarà sugli schermi televisivi già a inizi 2024. A produrla Pietro Valsecchi. La domanda è: ne avevamo davvero bisogno?

Fa discutere la scelta di Valsecchi di produrre una miniserie incentrata sul personaggio di Matteo Messina Denaro.

La miniserie su Matteo Messina Denaro

Due puntate che probabilmente arriveranno sugli schermi televisivi già nell’inverno 2024. A quanto pare è già stato scelto l’attore protagonista “ma rivelerò il suo nome solo dopo che avrà firmato” e si è già pensato di effettuare le riprese durante la prossima estate.

A produrre quello che “non è un instant movie perché l’arresto di Messina Denaro lo scorso gennaio ha soltanto accelerato lo sviluppo di un progetto su cui ragionavo da tempo e mi ha fatto trovare la chiave giusta per raccontare la parabola criminosa del boss e le indagini dei carabinieri del ROS che hanno portato al suo clamoroso arresto” Pietro Valsecchi.

Valsecchi, patron di Taodue e della neonata I-Talent Factory (prima accademia telematica di cinema), non è nuovo a queste iniziative. Spesso infatti ha prodotto film e serie tv basate su fatti di cronaca.

Fin qui i fatti. Quello che ci chiediamo noi è: ma ne avevamo davvero bisogno?

Matteo Messina Denaro

E’ sicuramente un personaggio particolare. Su di lui si è detto e scritto di tutto. Si sono create nel corso degli anni delle storie che rasentano il fantascientifico: si diceva che fosse scappato all’estero, si diceva che avesse assunto mille false identità e addirittura che si fosse sottoposto ad interventi di chirurgia plastica per alterare i suoi connotati.

La realtà la conosciamo tutti ormai: Messina Denaro non ha mai cambiato i suoi connotati, non ha mai cambiato continente ed essenzialmente non si è quasi mai mosso dal suo paese natale.

Probabilmente se ad un certo punto non si fosse ammalato gravemente non lo si sarebbe mai arrestato. Non è questa la sede adatta per attribuire responsabilità, per azzardare ipotesi di combutta tra lo Stato e la Mafia o per puntare il dito sulla fitta rete di complici che hanno coperto il boss per tanti anni.

Ma è indubbio che l’arresto di Messina Denaro sia da vedersi più come una sconfitta dello Stato italiano che non una grande vittoria.

Insomma il punto è: avevamo proprio bisogno di una fiction che sottolineasse il fallimento dello stato italiano?

Esaltazione del male

Non compete a noi stabilire se l’esaltazione di figure negative attraverso film e serie TV possa o meno indurre all’emulazione. Certamente dare rilevanza a personaggi che hanno segnato negativamente la storia d’Italia contribuisce a costruire intorno ad essi una sorta di mito, una fama assolutamente immeritata.

A nostro avviso sarebbe sicuramente meglio far marcire in un eterno oblio chi ha portato tanto male nel mondo.