Treni interrotti è caos | Italia spaccata a metà dal maltempo

Treni interrotti, ritardi e cancellazioni. Sono centinaia le persone bloccate in stazione senza nessuna soluzione alternativa. “Giornata difficile” fanno sapere, intanto, da Trenitalia.

Bologna treni interrotti
Caos e disagi a Bologna per i treni interrotti – web source photo –

Nulla da fare, l’odissea dei viaggiatori continua o meglio si interrompe, proprio come i treni fermi in stazione, anche i passeggeri restano bloccati senza nessuna soluzione alternativa. Continuano ad essere cancellati, infatti, quasi tutti i treni.

Sono più o meno le 14 è mercoledi, 17 maggio. Che qualcosa non vada lo si capisce già guardando il tempo fuori. Nonostante il mese delle rose, la primavera inoltrata, la fuori è buio, violenti temporali sferzano il paese, la temperatura è sotto la media stagionale e c’è bisogno di coprirsi. Non è solo questo, però, quello che sta causando gravi disagi, in alcune circostanze anche dei veri e propri danni, ai viaggiatori.

Bologna: treni interrotti dall’alluvione sgomento tra i passeggeri

Ci sono pendolari, chi si sta spostando per lavoro chi, addirittura, deve prendere un aereo ma in stazione è tutto bloccato, i treni accumulano ritardi improponibili anche di tre ore ma, poi, nel disappunto generale vengono, irrimediabilmente, cancellati. Sono circa le 14 quando la circolazione ferroviaria, sulla linea adriatica, viene sospesa.

La tratta Bologna-Forlì è senza nessun treno disponibile, impossibile spostarsi, così come anche per la linea Bologna-Ravenna. Il Paese è spaccato in verticale. Il Paese è in ginocchio, sferzato dal maltempo. La parte orientale d’Italia è come se non esistesse più, irraggiungibile, sommersa da una montagna d’acqua che non smette di venire giù. Acqua e fango stanno letteralmente sommergendo parte del paese.

Le attuali condizioni meteo, dunque, non consentono la normale prosecuzione dei treni in viaggio. Impossibile, in queste condizioni, raggiungere alcune città, impossibile per i treni muoversi dalla stazione senza mettere a rischio la sicurezza dei cittadini. Trenitalia può solo limitarsi ad annunciare: cancellazioni, deviazioni, limitazioni di percorso. Nessuna soluzione, perché gli autobus sostitutivi che, in circostanze come questa, sarebbero stati messi a disposizione dei viaggiatori con questo maltempo non sono sicuri.

Spostarsi su gomma è un rischio troppo grande. Per questo motivo non ci si può nemmeno mettere in viaggio autonomamente prendendo, magari, una auto a noleggio. Strade chiuse, sottopassi allagati, treni fermi in stazione un incubo per tutte le persone costrette a spostarsi nonostante l’allerta meteo. Rimini, Riccione, Cesena sommerse dall’acqua: troppo pericoloso tentare di spostarsi, di raggiungerle.

Tabellone stazione Bologna

Intanto a Bologna treni interrotti senza soluzione e sotto la stazione c’è chi inizia ad essere preda dello sconforto. Una ragazzina con il trolley piange disperata non sapendo come tornare a casa. La situazione sembra esasperata, più che altro, perché al momento non si intravede nessuna soluzione possibile. Un incubo che non accenna a finire, dopo la giornata da dimenticare di ieri, quella di oggi si sta trasformando in una vera e propria odissea.

Intanto la Protezione Civile dirama un ulteriore bollettino meteo. Si conferma l’allerta rossa per l’intera giornata di oggi con la conseguente, catastrofica, riprogrammazione della circolazione ferroviaria. C’è chi, intanto, ferma gli addetti di Trenitalia o qualche agente di polizia ferroviaria nel tentativo, spesso invano, di districarsi e capirci qualcosa. Nel frattempo, sul tabellone che annuncia ritardi insistentemente più consistenti, sempre più treni vengono cancellati.

 

 

 

 

 

 

 

 

Impostazioni privacy