Giornata Internazionale della solidarietà | Ecco cosa siamo chiamati a fare

Oggi, 31 agosto, si celebra la Giornata Internazionale della Solidarietà. Un modo per invitare ogni essere umano a riflettere sull’importanza della vicinanza, dell’empatia e dell’aiuto reciproco.

Giornata Internazionale della
photo web source

Valori intramontabili che cominciano spesso dai piccoli gesti che abituano la persona ad essere solidale nei confronti degli altri, già da ogni atto quotidiano.

La Giornata Internazionale della Solidarietà

La Giornata Internazionale della Solidarietà stata istituita dall’ONU nel 2005, e si pone l’obiettivo di sensibilizzare, da un a parte, e dall’altra di stimolare alla collaborazione e al mutuo aiuto, nonché al sostegno ai più bisognosi e nei confronti di chi vive situazioni di disagio.

La solidarietà non si può realizzare, quindi, senza l’intento concreto di condividere le proprie risorse, il proprio tempo e le proprie capacità per andare incontro al bisogno e alle sofferenze altrui.

Il senso di solidarietà

Si intende quindi come necessario un senso di empatia e di compartecipazione alle vicende degli altri che, sia a livello macroscopico che più in piccolo, coinvolgono e riguardano tutti gli esseri umani, accomunati dalla stessa condizione, appunto, di essere umani.

Questa Giornata ci fa ricordare quanto ognuno di noi sia importante e a volte abbia un ruolo cruciale nella vita di qualcuno o di molti, e ci invita alla gentilezza e alla compassione (che letteralmente significa “sentire insieme”), con la certezza che facendo del bene al prossimo lo si fa certamente, in un modo più diretto e immediato o meno, anche a sé stessi.

Giornata solidarietà
photo web source

Le frasi più belle sulla solidarietà

Ecco alcune delle frasi più belle che abbiamo raccolto per riflettere su questo valore che ci fa davvero esseri umani:

Se vuoi cambiare il mondo… comincia da te stesso! Devi essere tu il cambiamento che vorresti vedere nel mondo
(Mahatma Gandhi)

Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.
(Madre Teresa)

Ciò che abbiamo fatto solo per noi stessi muore con noi. Ciò che abbiamo fatto per gli altri e per il mondo resta ed è immortale.
(Harvey B. Mackay)

La solidarietà è l’unico investimento che non fallisce mai.
(Henry David Thoreau)

Gli angeli dei nostri tempi sono tutti coloro che si interessano agli altri prima di interessarsi a se stessi.
(Wim Wenders)

La grande ricchezza dell’umanità sta nella solidarietà.
(Adolfo Pérez Esquivel)

Se aiuti gli altri, verrai aiutato. Forse domani, forse tra un centinaio d’anni, ma verrai aiutato. La natura deve pagare il debito. È una legge matematica e tutta la vita è matematica.
(Georges Ivanovič Gurdjieff)

Ricordiamoci che siamo una foglia di un albero, che l’albero è l’intera uma­nità, e che non possiamo vivere senza le altre foglie e senza l’albero.
(Pablo Ca­sals)

Non soltanto siamo tutti sulla stessa barca, ma soffriamo tutti lo stesso mal di mare.
(G.K. Chesterton)

Mi sono sempre domandata perché qualcuno non fa qualcosa a tale proposito. Poi mi sono accorta che quel qualcuno ero io.
(Lily Tomlin)

Se potrò impedire a un cuore di spezzarsi,
non avrò vissuto invano.
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena,
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido,
non avrò vissuto invano.
(Emily Dickinson)

Il poco può essere molto per chi non ha avuto niente.
(Xavier Wheel)

Il pollice non può rallegrarsi, quando l’indice soffre.
(Proverbio del Kurdistan)

La solidarietà del genere umano non è solo un segno bello e nobile, ma una necessità pressante, un ‘essere o non essere’, una questione di vita o di morte.
(Immanuel Kant)

Non siamo nati solo per noi stessi, ma una parte della nostra vita la dob­biamo alla patria, e un’altra parte ai nostri amici.
(Marco Tullio Cicerone)

Una mano sola non riesce a legare un pacchetto.
(Proverbio africano)

Chi sa volare, non deve buttare via le ali per solidarietà con i pedoni. Deve piuttosto insegnare a tutti il volo.
(Don Lorenzo Milani)

Nessun uomo è un’isola; nessuno è interamente di se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte della terraferma.
(John Donne)

La nostra società è molto simile a una volta di pietre: cadrebbe, se le pie­tre non si sostenessero reciprocamente.
(Seneca)

Sono un uomo: niente di quel che capita agli uomini lo considero a me estra­neo – Homo sum: nihil humani a me alienum puto.
(Publio Terenzio)

Nella Chiesa, ma anche nella società, una parola chiave di cui non dobbiamo avere paura è “solidarietà”, saper mettere, cioè, a disposizione di Dio quello che abbiamo, le nostre umili capacità, perché solo nella condivisione, nel dono, la nostra vita sarà feconda, porterà frutto
(Papa Francesco)

Tutti per uno, uno per tutti.
(Alexandre Dumas padre)

Se i grandi sapessero unirsi ai piccoli, tutti starebbero bene.
(Esopo)

Le cose sono unite da legami invisibili: non si può cogliere un fiore, senza turbare una stella.
(Albert Einstein)

Nessun uomo è inutile, se allevia il peso di qualcun altro.
(Mahatma Gandhi)

Il primo passo nell’evoluzione dell’etica è un senso di solidarietà con altri essere umani.
(Albert Schweitzer)

L’unione e la solidarietà degli uomini possono prosciugare i mari e abbattere le montagne.
(Proverbio cinese)

Se ci diamo una mano, i miracoli si faranno e il giorno di Natale durerà tutto l’anno.
(Gianni Rodari)

Vivi per te stesso e vivrai invano; vivi per gli altri, e ritornerai a vivere.
(Bob Marley)

L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo.
(Sofocle)

Dalla sobrietà nasce la solidarietà, cioè l’arrivare a pensare agli altri. Vi faccio un esempio: io se ho quattro panini penso: “Magari con due posso anche farcela, e il resto lo posso dare a chi non ha niente”. Ecco che dalla parsimonia, dalla sobrietà, si passa alla solidarietà.
(Don Andrea Gallo)

Il comportamento etico dell’uomo dovrebbe basarsi in maniera attiva sulla solidarietà, sull’educazione, sui legami e sui bisogni sociali. L’uomo sarebbe ben poca cosa se fosse necessario controllarlo con la paura del castigo e la speranza della ricompensa dopo la morte.
(Albert Einstein)

La solidarietà non è dare, ma agire contro le ingiustizie.
(Abbé Pierre)

Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Se vuoi arrivare lontano, cammina insieme.
(Proverbio africano)

La produzione deve servire ai bisogni reali degli uomini, non alle esigenze dei sistema economico; tra gli uomini e la natura deve crearsi un nuovo rapporto, di collaborazione anziché di sfruttamento; il reciproco antagonismo deve essere sostituito dalla solidarietà.
(Erich Fromm)

Uno dei segni che cominciamo a non essere più giovani è il nascere di un senso di solidarietà con gli altri esseri umani.
(Virginia Woolf)

È possibile parlare di solidarietà e che “siamo tutti uniti”, in un’economia basata sulla concorrenza spietata? Fin dove arriva la nostra fratellanza?
(José Mujica)

Non mi piace chiunque trasformi la solidarietà in competizione, la carità in marketing, l’elemosina in esibizionismo.
(Don Dino Pirri)

La solidarietà degli sforzi vi lega con cordicelle, la solidarietà dei destini vi annoda con funi, la solidarietà delle responsabilità vi salda l’uno all’altro con catene.
(Arthur Schnitzler)

Sii uno che apre le porte a coloro che vengono dopo di te, e non cercare di rendere l’universo un vicolo cieco.
(Ralph Waldo Emerson)

Gli uomini hanno costruito troppi muri, e troppo pochi ponti.
(Dominique Pire)

Siamo onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello stesso giardino.
(Proverbio cinese)

L’uomo è irragionevole, illogico, egocentrico
Non importa, amalo
Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
Non importa, fa’ il bene
Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
Non importa, realizzali
Il bene che fai verrà domani dimenticato
Non importa, fa’ il bene
L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile
Non importa, sii franco e onesto
Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo
Non importa, costruisci
Se aiuti la gente, se ne risentirà
Non importa, aiutala
Da’ al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci
Non importa, da’ il meglio di te.
(Madre Teresa di Calcutta)