Il trucco per far durare l’abbronzatura fino a Novembre: non lo conosce nessuno

Niente intrugli, pillole o strane lozioni. Solo alcuni, semplici, accorgimenti che ti doneranno una pelle dorata più a lungo.

Gambe abbronzate. Foto Web Source

E molti consigli non ti aspetti proprio che siano efficaci.

L’estate sta finendo…l’abbronzatura no!

Tra ritorni al lavoro e a scuola siamo, più o meno tutti, tornati alle nostre vite di sempre. Addio mare! Addio sole! E addio abbronzatura…o no? E’ possibile prolungare la permanenza di quella bella pelle dorata sui nostri corpi? La risposta breve è: sì! La risposta approfondita è: sì ma a determinate condizioni.

Prendere il sole. Foto Web Source

Pensa in prospettiva!

La prima cosa che devi tenere a mente è che il successo dell’operazione “salva abbronzatura” parte da ben prima che tu ti esponga al sole. Devi prenderti cura della tua pelle ogni giorno dell’anno. Il primo consiglio, che poi è anche il più importante, è quindi avere una rigida routine per quanto riguarda la skin care. Se non ne hai una ti posso fornire un modello, starà a te scegliere i prodotti specifici che riterrai più opportuni:

  1. Acqua. L’acqua è fondamentale, non soltanto per detergere la pelle dall’esterno ma anche per idratarla dall’interno. Devi berne non meno di un litro e mezzo al giorno. Ovviamente scegli l’acqua dal sapore che preferisci (non è affatto vero che l’acqua sia insapore, se non credi a me chiedi ad un qualunque sommelier dell’acqua) e ovviamente puoi anche alternare acqua liscia e gassata (naturale e frizzante). L’acqua gassata non è infatti da demonizzare! Anzi! Berne un bicchiere a stomaco vuoto appena svegli aiuta il transito intestinale. E quando sei al mare o comunque quando ti esponi al sole con l’intento di abbronzarti ricorda di bere ancora di più!
  2. Sapone. Anche la detersione è fondamentale, sia nella routine quotidiana che in quella specifica per prolungare l’abbronzatura. Si, so già a cosa stai pensando: ma se mi lavo l’abbronzatura va via! Eh no amico mio, non è così! O, meglio, non è così se userai questo piccolo accorgimento: lavati con detergenti oleosi. L’olio non solo idrata la pelle ma ha anche il potere di prolungare l’abbronzatura. I detergenti schiumogeni invece sarebbero da evitare perché, effettivamente, tendono a far sparire più velocemente l’abbronzatura.
  3. Esfoliante. Anche qui ti sto già sentendo urlare: Eh no! Questo no! Ma come?!? Se esfolio la pelle gratto via l’abbronzatura!!! E invece ti sbagli! Anzi! Una esfoliazione, chiaramente soft e fatta una volta ogni due settimane, garantisce il ricambio cellulare e rende la pelle ancora più bella. Quindi fallo, con gentilezza, ma fallo!

    Piedi nella sabbia. Foto Web Source
  4. Crema solare. Ti prego non dirmi che sei tra quelli che si espongono al sole dopo essersi cosparsi di olio! Non siamo mica cotolette?!? Devi abbronzarti, non friggere al sole! E prima di esporti al sole, di solito almeno mezz’ora prima, devi spalmarti addosso una buona crema solare. Proteggerà la tua pelle e ti aiuterà ad abbronzarti senza ustionarti. E sfatiamo un altro mito: la crema solare non va applicata solo d’estate. Del resto il sole c’è tutto l’anno, non soltanto in estate e dunque sarebbe buona norma applicare su tutte le parti scoperte (viso in primis) una buona crema solare ogni giorno dell’anno.
  5. Crema doposole. Gioca un ruolo fondamentale. Applicala tutti i giorni (o meglio la sera, quando torni dal mare o comunque dopo esserti esposto al sole e dopo aver fatto la doccia). Non solo serve a lenire il bruciore delle scottature ma ti aiuterà a prolungare l’effetto pelle dorata che tanto ci piace.
Uomo al sole. Foto Web Source

Integratori, beveroni e pilloline? No, grazie!

Se sei un soggetto sano e ti attieni a questa semplice routine capirai da solo che integratori, pillole e beveroni non ti servono a nulla. Perché tutte queste cose, in generale ma anche nel caso in cui si parli soltanto di prolungare l’abbronzatura, teoricamente servono da supporto quando ti manca qualcosa. E attenendoti a questa routine noterai da solo di non aver bisogno d’altro.