È l’elettrodomestico più usato oggi | Gli antichi Romani già lo avevano e funzionava così. Incredibile

Avete presente gli elettrodomestici di uso comune? Anche gli antichi Romani ne avevano, e funzionavano in maniera totalmente innovativa per i tempi!

Elettrodomestici antichi Romani

È stato effettuato infatti un incredibile ritrovamento, nel corso delle recenti ricerche archeologiche presso l’antica fortezza romana di Novae, situata nel cuore della Bulgaria settentrionale.

Questo sito storico, che un tempo fungeva da base militare per l’Impero Romano, sta rivelando un tesoro di informazioni sulla vita dei legionari e sull’ingegnosa infrastruttura romana. Durante la campagna di scavo del 2023, guidata dal Prof. Piotr Dyczek e dal suo team di archeologi polacchi, è stato scoperto un vero e proprio “elettrodomestico” romano sorprendentemente ben conservato, che risale a circa 1900 anni fa.

L’elettrodomestico pionieristico degli antichi Romani

Si tratta di un frigorifero in muratura, che si distingue per il suo sistema di raffreddamento pionieristico, alimentato da un tubo di piombo collegato all’acquedotto locale. Il tubo trasmetteva il freddo dell’acqua in un ambiente accuratamente sigillato, permettendo ai legionari di conservare cibo e vino in modo efficace. Una scoperta ancora più sorprendente è stata la presenza di contenitori all’interno del frigorifero, che contenevano frammenti di vasi per bere il vino, scodelle e ossa di animali. Questo rivela che i Romani avevano sviluppato un sistema di raffreddamento avanzato per mantenere le bevande e la carne fresca.

Tracce di un insediamento civile

Novae, originariamente una base militare lungo il confine dell’Impero Romano, aveva un ruolo strategico nella difesa dell’Impero e nella fornitura d’acqua per i suoi soldati. Il forte romano copre una vasta area e ha rivelato edifici monumentali, tra cui il palazzo del quartier generale, un ospedale legionario e terme legionarie. Inoltre, sono state scoperte tracce di un insediamento civile all’interno delle mura, indicando la coesistenza di soldati e civili.

Una delle scoperte più straordinarie è stata un grande pozzo, mai prima conosciuto a Novae, che aveva un ruolo cruciale nell’approvvigionamento d’acqua per i legionari. Questo pozzo era collegato a un sistema di acquedotti realizzati con tubazioni in ceramica e piombo, garantendo un approvvigionamento costante di acqua fresca.

Vari cimeli identificati

Un’altra scoperta di rilievo è stata una fornace per ceramica risalente al IV secolo, che ha rivelato una serie di vasi unici, tra cui un set per bere il vino. Questi reperti, con superfici nere decorate in modo elaborato, forniscono preziose informazioni sulla cultura materiale dell’epoca romana nella regione del Danubio.

Ritrovamenti antichi romani
photo web source

Inoltre, tra i numerosi reperti trovati, c’è un ciondolo in argento finemente dettagliato raffigurante un topo, oltre a oltre duecento altri oggetti che gettano luce sulla vita quotidiana dei legionari romani a Novae. Si sono anche scoperti tasselli di dimensioni ridotte nelle caserme, suggerendo la possibilità di letti a castello negli angoli e mensole in legno nei vestiboli. Gli archeologi hanno identificato vari oggetti, tra cui lampade ad olio, contenitori in vetro, fibbie, parti di armature e strumenti chirurgici in bronzo.