Italia: panico da bolletta | Le aspettative tra rincari di luce e gas

Il subconscio degli italiani è dominato dalla paura. Non della guerra, o  di altro, ma di finire in bolletta. Nel vero senso della parola.

Photo by FreePik Premium

La povertà energetica preoccupa notevolmente i nostri connazionali, che temono un netto peggioramento della propria condizione economica: il rincaro subito dalle bollette di luce e gas fa accapponare la pelle, evidentemente per il freddo (a condizionatori spenti).

Poveri ma belli

Tornano gli anni dello shock petrolifero, rivivono gli albori dei ’70: niente zampa d’elefante, ma psichedelia da stress termico, con gli italiani che improvvisamente si sono accorti di vivere in una bolla economica. L’abbondanza energetica a buon mercato era dunque una situazione eccezionale: per tantissimo tempo l’energia è stata considerata una commodity abbondante, alla portata di tutti. Ebbene, non è più così, dobbiamo riconoscere che l’energia in casa sarà sempre più assimilabile ad un bene di lusso (visti i prezzi alle stelle).

Negli ultimi cinquant’anni il nostro Paese (e le sue grandi aziende energetiche) hanno  lavorato per garantire un futuro scevro da problemi: la nostra società è sempre più energivora, dunque problemi di approvvigionamento possono verificarsi, determinando consequenzialmente un rallentamento dell’economia. L’attacco russo all’Ucraina ha provocato un senso di diffusa incertezza, facendo poi innalzare i prezzi delle commodities.

Energia canaglia

La verità è che in Italia ci eravamo abituati al caldo d’inverno e al fresco d’estate: adesso la “sberla” energetica ci ha fatto riconquistare la consapevolezza del prezzo reale del nostro tenore di vita. Ovvio che ce ne fossimo dimenticati, troppo presi dietro ai balletti di TikTok: questo perchè i nostri modelli di consumo sono rigidi, difficili da ridefinire; i rincari sono visibili, immediati, e pesano moltissimo sui bilanci familiari.

Ecco perché, tra le spese ordinarie, i pagamenti di bollette e utenze domestiche continuano a essere un vero e proprio “incubo” per il Belpaese: un italiano su quattro è terrorizzato dai rincari energetici.

Bollette – Photo web source

Spegni la luce!

Per far fronte a questi aumenti e far quadrare i conti del bilancio domestico, quasi l’84% dei consumatori sta cercando di adottare diverse strategie consumistiche: anche il risparmio energetico rientra nei piani dei nostri connazionali: si stima che circa il 15% delle famiglie oggi sia in difficoltà nel pagamento delle bollette. In questo contesto, sarebbe auspicabile una maggiore formazione in ambito energetico: incentivando consumi responsabili, si contribuirebbe di certo ad un netto risparmio di luce e gas.

L’elevata sensibilità per l’argomento si manifesta, poi, anche attraverso l’adesione a gruppi di sensibilizzazione energetica, che predicano un minor consumo di risorse, per contribuire attivamente alla soluzione del “problema bollette”: il 59% delle famiglie si dice aperta ad una riduzione responsabile dei consumi superflui. Non ci resta che spegnere la luce ed accendere la speranza.