Sangue al matrimonio: lo sposo killer l’ha giustiziata

Orrore in Thailandia, dove uno sposo ha ucciso la sua novella consorte, più altre tre persone, al banchetto di nozze preparato per l’occasione.

Soccorsi inutili al matrimonio – Photo web source

Doveva essere un giorno festoso, si è trasformato in una tragedia insensata: un ex atleta paralimpico thailandese ha ucciso in totale quattro persone al suo matrimonio; indi si è suicidato, sparandosi alla testa.

Matrimonio di sangue

Fonti investigative vicine alla polizia riferiscono che l’uomo, poi identificato come Chaturong Suksuk, di anni 29, avrebbe impugnato una semiautomatica, facendo fuoco a ripetizione: per il “Bangkok Post”, ci sarebbero poi alcuni feriti gravi, in imminente pericolo di vita.  Il tragico episodio si sarebbe consumato in un villaggio nei pressi della località Tambon Wang Nam Kheio, nella Thailandia centro-meridionale, durante la festa susseguente al matrimonio. I superstiti della strage hanno riferito che l’uomo pareva alterato, forse depresso, durante le celebrazioni: nulla avrebbe mai fatto presagire l’esito mortale. Chatorung si sarebbe allontanato dalla festa con un pretesto, aprendo poi il cofano della sua auto, da cui ha estratto l’arma da fuoco che ha decimato gli astanti.

Minuti di terrore

L’orrore si sarebbe consumato in pochi minuti: il tempo di raggiungere la sua novella sposa, Kanchana Pachunthuek, di anni 44, e fare fuoco su di lei: la madre e la sorella della donna hanno provato ad intervenire ma sono state freddate sul colpo; l’uomo avrebbe poi ferito alcuni invitati, sparandosi subito dopo. Inutili i soccorsi, per il killer e le vittime non è stato possibile fare nulla, a parte constatarne il decesso. Ovviamente non è chiaro il movente, ove mai ce ne fosse uno: l’uomo non aveva mai dato segni di squilibrio mentale, nè ne aveva mai compiuto atti violenti contro la sua sposa; davvero un mistero, una strage insensata ed impossibile da evitare.

Soccorsi al matrimonio di sangue – Photo web source

Il killer

L’omicida è un giovane ex ranger ed appartenente alle forze militari della Marina thailandese: in precedenza assegnato alla base navale di Sattahip, a Chon Buri, il ventinovenne era disabile motorio, dopo esser stato investito da un treno. La disabilità non lo aveva fermato, anzi: nel 2022 aveva vinto una medaglia d’argento (nel nuoto) ai Giochi paralimpici del sud-est asiatico (gli Asean Para Games): era poi stato inserito nella lista degli atleti che avrebbero dovuto partecipare, la settimana prossima, ai World Ability Sports Games 2023, in agenda a Nakhon Ratchasima. Dal giorno dell’incidente aveva dimostrato una notevole forza di volontà, risollevandosi, conoscendo la futura moglie, progettando il futuro con lei, fino al giorno (oscenamente tragico) del loro matrimonio.

Impostazioni privacy