Nuovo riconoscimento dell’UNESCO | In Italia rimangono tutti a bocca aperta

Nuovi “ingressi” per quel che riguarda il Patrimonio dell’Unesco. In pochi avrebbero immaginato che proprio lui, vi sarebbe entrato.

Stiamo parlando del canto lirico che è stato proclamato Patrimonio immateriale dell’umanità. Vediamo insieme con quale motivazione.

La lirica italiana ed il suo importante riconoscimento | Ecco qual è stato
photo web source

Nello specifico, quello lirico italiano. Ma perché questa decisione?

Il canto lirico italiano ottiene un riconoscimento

Una scelta che è andata al di là di ogni tipo di aspettativa. Nessuno mai, infatti, avrebbe immaginato una decisione simile, ma è successo. Il canto lirico italiano è diventato Patrimonio immateriale dell’Unesco. La sua proclamazione è avvenuta in occasione della 18esima sessione del Comitato intergovernativo per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco in Botswana.

La cultura italiana si fa sempre più spazio nel mondo, a dispetto di tanti che non la considerano come importante o come necessaria da dover conservare, specialmente per le generazioni future. Stando a quanto descritto dall’agenzia culturale delle Nazioni Unite, la pratica del canto lirico in Italia include la musica, il canto, la recitazione e le scenografie tipiche dell’opera sono ufficialmente protette.

La lirica italiana ed il suo importante riconoscimento | Ecco qual è stato
photo web source

Entra nel patrimonio Unesco

Un orgoglio ed, anche, un successo per il mondo della musica lirica italiana: “E’ un traguardo importantissimo conseguito dopo un lungo percorso avviato nel 2011 quando i cantanti lirici solisti si sono costituiti in un’associazione denominata Cantori Professionisti d’Italia con il fine di riunire la categoria e permettere un confronto professionale su un ampio ventaglio di problematiche, a partire dalla difesa e la diffusione del valore della musica e più specificatamente del teatro d’opera quale eccellenza e patrimonio della cultura della Repubblica Italiana” – è stata la nota di compiacimento e di gioia di Assolirica.

A pochi giorni dall’inaugurazione delle stagioni teatrali sia al Teatro San Carlo di Napoli, quanto al Teatro La Scala di Milano e, anche, al Teatro La fenice di Venezia (che ha visto, fra l’altro, la partecipazione anche del Presidente della Repubblica, Mattarella), il riconoscimento arriva fra la gioia e lo stupore non solo degli addetti al settore ma anche e soprattutto di tutti coloro che amano e seguono la lirica italiana.

Anche il ministro della cultura, Sangiuliano, si è dichiarato soddisfatto: “Un lungo e articolato lavoro che ha portato una grande eccellenza della nostra nazione a ottenere il riconoscimento”.

Impostazioni privacy