La paura degli animali per i botti di Capodanno | Piccole regole per proteggerli

Sarà anche il giorno più bello e felice dell’anno, durante il quale salutiamo il vecchio e diamo il benvenuto al nuovo.

Ma siamo certi che, davvero tutti, siano così felici, specialmente dei tanti e troppi fuochi d’artificio che si sparano?

La paura degli animali per i botti di Capodanno | Piccole regole per proteggerli
photo web source

Se lo potessimo chiedere ai nostri amici a quattro zampe, sicuramente direbbero di no. E vi spieghiamo il perché.

Botti di Capodanno: la paura degli animali

Sì, perché sono proprio loro ad avere più paura di tutti, del nostro festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo. Quello che per noi può sembrare un momento di gioia, tanto da volerlo addirittura renderlo speciale con lo sparo dei fuochi d’artificio a tutta forza, per loro diventa un momento di vero e proprio terrore.

I nostri amici a quattro zampe e tutti gli animali non amano il rumore dei botti e il 31 dicembre, per loro, rischia di diventare il giorno più brutto di tutta la loro vita. È necessario, quindi, proteggerli e metterli al sicuro facendo sì che il Capodanno diventi per loro (come lo è per noi) motivo di gioia, tranquillità e non di puro terrore.

L’Oipa (l’Organizzazione internazionale protezione animali) ha realizzato un decalogo con tutte le informazioni utili per mettere in sicurezza i propri animali ed evitare, morti, ferimenti o smarrimenti. Sì, perché non è raro che gli animali, impauriti proprio dai botti, addirittura scappino di casa, nella speranza di trovare rifugio altrove, dove secondo loro è più sicuro, ma in realtà così non è.

Alcuni di loro, specialmente quelli più anziani o malati, possono anche rischiare la vita davanti a tanto rumore di botti e morire d’infarto. E la fauna selvatica non è da meno: gli uccelli e gli animali dei parchi e dei boschi, spaventati dal frastuono e dalle improvvise luci nel cielo, potrebbero disorientarsi e, nello scappare via, si vanno a schiantare contro alberi, muri, vetrate, cavi elettrici o, addirittura, finire sotto le auto.

La paura degli animali per i botti di Capodanno | Piccole regole per proteggerli
photo web source

Un decalogo di piccole regole per proteggerli

Determinati Comuni italiani hanno già emesso ordinanze per vietare l’utilizzo di petardi per i festeggiamenti del Capodanno, ma troppi non vi rinunciano, anche per l’esiguità dei controlli volti a reprimere chi non rispetta le regole.

L’inizio del nuovo anno dovrebbe essere una gioia per tutti, non motivo di terrore e angoscia. Allo stesso tempo, facciamo appello alle forze dell’ordine affinché considerino una priorità i controlli finalizzati a far rispettare le ordinanze, non minimizzando le conseguenze, dirette e indirette, di una condotta irresponsabile da parte di chi maneggia i petardi” – spiega il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto, in un’intervista a Today.it

Cosa fare, allora, per proteggere i nostri animali? Partiamo dal tenerli quanto più possibile al sicuro e lontano dai luoghi dove si attuano i festeggiamenti. Successivamente, chiudiamo le persiane o le finestre e cerchiamo di distrarli in modo che non sentano il rumore eccessivo dei botti. E se si rifugiano in un luogo sicuro, anche se di solito “a lui vietato”, lasciamoglielo fare…perché così non ha paura.