San Marino: Coubertin speak 365 | Parte l’iniziativa del Comitato Pierre de Coubertin

Parte la splendida iniziativa concepita dal Comitato Pierre de Coubertin San Marino: COUBERTIN SPEAKS 365. 

L’iniziativa è tesa a trasmettere i valori e lo spirito che, il fondatore dei giochi olimpici, ha trasmesso e di cui ancora oggi più che mai c’è un estremo bisogno.

Comitato Pierre de Coubertein

Per 365 giorni, ogni giorno, sulla pagina Facebook del comitato sammarinese ci sarà una citazione del barone.  Diretta dalla ricca eredità letteraria di questo grande umanitario.

Ogni giorno con de Coubertin alla riscoperta dei valori dello sport

Il Comitato Sammarinese Pierre de Coubertin (CSPC), fa parte della Sezione del Comitato Nazionale Sammarinese Fair Play (CNSFP), l’iniziativa è davvero gradita in quanto i valori e lo spirito di de Coubertein e dei giochi ilimpici trovano attualità nei giorni nostri.

Promuovere il fair play, la solidarietà, l’inclusione oggi è di fondamentale importanza visto quanto ancora accade sui campi di calcio, tra le tifoserie, ed in alcune competizioni sportive.

Il barone Pierre de Coubertin fu un noto pedagogista, riformatore ed educatore francese. È principalmente conosciuto per aver fondato il Moivmento Olimpico moderno nel 1894 e per aver reso possibile la rinascita dei Giochi Olimpici nel 1896.

De Coubertin dedicò gran parte della sua vita alla promozione dello sport e dell’educazione fisica come strumenti per lo sviluppo e il benessere dell’individuo. Convinto che lo sport potesse unire le persone e trasmettere importanti valori morali ed etici, de Coubertin si impegnò a diffondere tali principi in tutto il mondo.

Tra i valori chiave che de Coubertin cercò di trasmettere attraverso il Movimento Olimpico, uno dei più importanti è sicuramente il fair play. Il barone sostenne che lo sport andava al di là della competizione, che esso fosse un modo per stimolare il rispetto reciproco tra gli atleti e l’equità nell’adempimento delle regole.

Il fair play, quindi, significa accettare sia le vittorie che le sconfitte con dignità, rispettando gli avversari e comportandosi correttamente durante e dopo le competizioni. Questo principio è ancora oggi molto valido e necessario nella nostra società, dove spesso ci troviamo di fronte a fenomeni di violenza e scorrettezza in vari contesti sportivi.

Un altro valore fondamentale che de Coubertin cercò di diffondere era l’universalità. Egli riteneva che lo sport potesse superare le barriere culturali, linguistiche e sociali, unendo le persone di tutti i paesi del mondo. I Giochi Olimpici, infatti, rappresentano ancora oggi un momento di incontro e confronto tra atleti provenienti da diverse nazioni, offrendo loro la possibilità di mostrare il meglio di sé stessi e di apprendere dagli altri.

L’importanza del fairplay e l’attualità dello spirito del barone oggi

Questo principio di universalità è particolarmente rilevante nella società odierna, caratterizzata da una crescente globalizzazione e da una maggiore interazione tra le diverse culture. Lo sport può essere uno strumento importante per promuovere l’inclusione e la tolleranza, creando spazi di dialogo e di collaborazione tra individui provenienti da background diversi. Infine, de Coubertin sottolineò anche l’importanza della lealtà nello sport.

de coubertein

Egli credeva che gli atleti dovessero competere in modo onesto e rispettoso delle regole, evitando qualsiasi forma di imbroglio o scorrettezza. La lealtà sportiva non riguarda solo gli atleti, ma coinvolge anche gli allenatori, i dirigenti e gli spettatori. È un impegno a comportarsi in modo etico e a rispettare i principi che si trovano alla base dello sport.

Questo valore è ancora molto attuale, considerando la crescente attenzione posta sul fair play e l’etica sportiva a livello internazionale. È importante mantenere vive queste idee e continuare a diffondere i valori che de Coubertin ha trasmesso attraverso il Movimento Olimpico, al fine di costruire una società più giusta e solidale.

Il CSPC è stato fondato a San Marino il 1 gennaio 2022, data coincidente con la nascita di Pierre de Coubertin Parigi 1 gennaio 1863. E’ riconosciuto ufficialmente dal Comitato Internazionale Pierre de Coubertin (CIPC) con sede a Losanna, Svizzera. In questa occasione per l’iniziativa ha ricevuto i complimenti dal Segretario Generale CIPC di Losanna.