Spericolata centenaria fa una cosa assurda | Carabinieri attoniti

Notte brava per una arzilla 103enne che, fermata dai Carabinieri in piena notte, aveva effettivamente più di una cosa da dichiarare.

Anche da anziani si può e si deve mantenere una vita sociale attiva. Foto Web Source

Una cara signora, dell’età di “appena” 103 anni, è stata fermata e multata nel cuore della notte da una incredula pattuglia dei carabinieri a Bondeno, in provincia di Ferrara.

Nonna al volante

La bizzarra vicenda è tutta italiana ed è accaduta qualche notte fa. La vecchietta è stata scoperta, in piena notte, alla guida della sua auto: vagava apparentemente senza meta, in stato semi confusionale, ripetendo di aver perso la strada.

E’ stata fermata da una pattuglia dei carabinieri i quali hanno provveduto al normale controllo dei documenti: patente, libretto, assicurazione. Con non poca sorpresa la patente risultava scaduta da più di due anni mentre l’auto sgasava per le vie senza la prevista copertura assicurativa.

Ma la sorpresa maggiore si è avuta quando i carabinieri hanno incrociato i dati anagrafici della donna, risultata un’arzilla centenaria. Alla domanda sul perché si trovasse alla guida dell’auto in quelle condizioni, l’anziana ha risposto che voleva “solo andare a trovare alcuni amici”: tutto questo a notte fonda, da sola, senza patente e con l’auto senza assicurazione. Come si dice? En plein! Un vero colpo da piratessa della strada.

Curve pericolose

A segnalare la spericolata nonnetta è stata una chiamata d’emergenza ai militari. La guida della signora destava preoccupazione, con curve prese contromano, accelerazioni improvvise, frenate insensate e mancati stop agli incroci.

L’anziana si è resa responsabile di diverse infrazioni al codice della strada. Foto Web Source

Il segnalatore anonimo avrà pensato al solito ubriaco, un bicchiere di troppo, il gomito in alto ed ecco che il pericolo alla guida è servito. I carabinieri, con etilometro d’ordinanza a bordo, si sono precipitati sul posto, pronti ad affrontare il classico giovane scriteriato o il solito balordo incurante dei divieti ed irrispettoso degli obblighi stradali.

Mai sorpresa più grande, con la 103enne che li fissava incredula, farfugliando scuse, non riuscendo a capire il perché di quelle sirene lampeggianti sparate in faccia.

La sanzione

La storia, particolarmente sorprendente, si è conclusa nel più classico dei modi: i carabinieri, pur gentilmente offrendosi di riaccompagnare la signora presso la propria abitazione, non hanno potuto far altro che mettere mano al codice della strada. Sanzione per la patente scaduta, con relativo ritiro, più multone per la mancanza di assicurazione con sequestro accessorio dell’autoveicolo.

Insomma, non una notte tranquilla per la nonnina, alla fine molto dispiaciuta per l’accaduto. Pare che al ritorno si sia offerta di offrire una tazza di caffè ai militari, scusandosi per il disturbo. Non c’è che dire, una vera gentil-nonna: peccato per quel dettaglio da piratessa della strada.