Italia: ecco le città più maleducate | Non sono quelle che pensi

Viaggiare e conoscere l’Italia è una delle esperienze che, almeno chi abita in questa nazione, dovrebbe fare, per vivere al meglio il turismo nel proprio paese.

Ma siamo sempre sicuri sia così? Nel senso…tutte le città sono accoglienti, sia con i turisti che con i loro stessi concittadini?

In Italia, esistono alcune città “maleducate” | E non sono, come si pensa sempre, quelle del Sud
photo web source

In realtà, secondo un’analisi, non è sempre così. Ed eccone spiegato il motivo. Conosciamolo insieme.

Città “maleducate”?

Avresti mai pensato di sentir parlare delle “città più maleducate d’Italia”? Tanto da esser scartate, molte volte, dagli stessi turisti per non vedersi rovinate le proprie vacanze? Apparentemente sembra una cosa impossibile, eppure è accaduto. Una classifica sorprendente dove i dati parlano chiaro e, a stilarla, sono state proprio le opinioni dei turisti.

Certo, ogni città che vai l’ospitalità può esser diversa e tutto varia a seconda della soggettività della persona stessa. Perché questa differenza allora? La cordialità, la gentilezza, il rispetto, ma anche (purtroppo è successo) anche la diffidenza e la freddezza che ci sono fra chi ci accoglie e chi arriva. Sono state queste alcune delle principali caratteristiche che hanno visto lo stilare di una classifica molto particolare di alcune città considerate “fra le più maleducate”.

A quasi 2000 abitanti che sono stati intervistati per questa particolare classifica è stato chiesto loro anche di individuare alcuni comportamenti che avrebbero potuto portare la città ad esser considerata maleducata o educata a seconda di ciò che si fa. La più comune è stata quella dell’uso del cellulare mentre si è in pubblico, anche per molto tempo e, la città dove questo comportamento è più corrente è quella di Trieste, a cui fanno seguito Padova e Brescia.

In Italia, esistono alcune città “maleducate” | E non sono, come si pensa sempre, quelle del Sud
photo web source

L’educazione è al Sud

Un altro atteggiamento maleducato riguarda gli automobilisti che non rallentano per far attraversare i pedoni e, ad avere questo primato, è la città di Catania. La città dove, invece, c’è una chiusura “nel linguaggio del corpo” e dove si vede benissimo la differenza fra chi è estraneo e chi no è Brescia.

Ma la città con il maggior numero di comportamenti maleducati è quella di Venezia, seguita a ruota da Catania e Parma. La città lagunare si è spesso trovata a far fronte alla gestione delle cattive maniere dei forestieri, che non rispettano le regole.

Dal lato opposto, invece, fra le città più educate vi sono Palermo e Napoli. La città di Milano, inoltre, vede la sua presenza fra le città più maleducate ma, al tempo stesso, è stata insignita anche di un altro triste primato: quella di città più pericolosa nell’anno 2022.