L’assurda morte di Alessandro | Omicidio o gioco finito male?

Una morte assurda quella di Alessandro Gozzoli, 41enne della provincia di Modena. È stato ritrovato cadavere in casa sua.

Molti sono, ancora, i punti oscuri del suo omicidio. Per questo motivo, chi indaga sta passando al setaccio le chat e i tabulati telefonici per cercare di dare un movente e, anche, il nome del possibile assassino.

Assurda morte Alessandro legato letto
Polizia Scientifica – photo web source

Potrebbe esser morto dopo un gioco erotico finito male, ma le indagini sono ancora in corso e tante sono le ipotesi ancora al vaglio.

Alessandro, il 41enne morto in circostanze sospette

E’ morto legato al suo letto in casa sua, a Casinalbo in provincia di Modena, venerdì scorso. Alessandro Gozzoli aveva 41 anni. Le piste seguite per arrivare a dare un nome al suo omicida sono stante e, stando a quanto riportato dal quotidiano “Il resto del carlino”, l’auto di Alessandro sarebbe stata trovata dai Carabinieri proprio questa mattina. Ma la sua morte è ancora avvolta dal mistero.

Alessandro è morto dopo esser stato abbandonato esanime, probabilmente dopo una serata finita in tragedia. Non si tratterebbe di un omicidio premeditato: l’ipotesi più valida sembrerebbe quella di un gioco erotico finito male.

La Procura locale ha aperto un fascicolo con ipotesi di omicidio volontario e, per questo motivo, sono in corso gli accertamenti del caso, in particolare sui tabulati telefonici e sulle chat dei social ai quali la vittima era iscritto.

Abbiamo fiducia nella magistratura. Sappiamo che questa è una fase di indagini e attendiamo che venga fatta giustizia” – ha spiegato l’avvocato della famiglia di Alessandro Gozzoli.

Lo trovano morto e legato al suo letto | Alessandro e un gioco erotico finito male?
photo: pixabay

Un gioco erotico finito male?

Quando il 41enne è stato trovato morto aveva addosso solo gli indumenti intimi. Da qui, l’ipotesi più accreditata di un gioco erotico finito male. Ma i suoi amici escludono quest’ultima ipotesi: “Alessandro era una persona tranquilla, pacata che non amava certe cose. Era una persona molto buona, non capiamo chi possa avergli fatto una cosa del genere” – spiegano i suoi amici.

Il 41enne era originario di Bazzano ed era impiegato in un’agenzia del lavoro di Modena. Per gli inquirenti, Alessandro potrebbe esser stato ucciso non da una sola persona ma anche da più persone. La necessità di andare a spulciare la vita del 41enne per capire le sue abitudini e riuscire a dare una spiegazione, e soprattutto un movente al suo omicidio.

Tante le ipotesi al vaglio, come dicevamo, in primis quella di un gioco erotico finito male, ma anche quella che abbia aperto a qualcuno che non conosceva e che, poi, il tutto sia finito in tragedia. I punti oscuri sono ancora troppi, per questo le indagini stanno proseguendo.