Finocchio: piccolo ortaggio, grandi qualità

E’ uno degli ortaggi più bistrattati nonostante abbia tante qualità benefiche ed un gusto niente male! E’ il finocchio! 

Finocchi
Finocchi

Sono sicura che ne butti più del necessario quando lo pulisci e che lo usi solo come spezza fame. Ma il finocchio può dare tante soddisfazioni in cucina!

Proprietà del finocchio

Nonostante sia trattato abbastanza male da tutti il finocchio è una pianta abbastanza facile da piantare e gestire. Ha bisogno di abbondante acqua e temperature non troppo basse ma cresce tutto l’anno e praticamente ovunque.

Tra le varie componenti il finocchio contiene anetolo (che è ciò che, tra l’altro, conferisce il tipico aroma) che ha proprietà antibatteriche, antivirali e antimicotiche. Leggenda narra che sia anche galattoforo, che cioè stimoli la produzione di latte nelle puerpere.

Il finocchio ha poi notissime proprietà digestive in quanto evita la formazione di gas intestinali.

Curiosità sul finocchio

Sapevi che il termine “lasciarsi infinocchiare” ha a che fare proprio col finocchio? Pare infatti che un tempo i cantinieri truffaldini offrissero delle fettine di finocchio agli avventori prima che essi assaggiassero il vino da comprare. Il finocchio ha un sapore che copre quello degli altri cibi e delle bevande quindi in questo modo il cantiniere poteva propinare vino pessimo o addirittura quasi diventato aceto spacciandolo per vino buono.

Tanti usi in cucina

Innanzitutto sappi che se la parte esterna non è particolarmente ingiallita del finocchio puoi mangiare tutto, dal ciuffo al culetto. Va ovviamente lavato per bene e controllato in ogni sua parte prima di consumarlo crudo.

A crudo lo puoi utilizzare per arricchire alcuni piatti. Ad esempio puoi tagliarlo nella forma che preferisci e metterlo nell’insalata. Tagliato in maniera molto sottile e condito con salepepeolio EVO aceto/limone può fare da letto ad una gustosa insalata di arance o ad una insalata di mare.

La mia ricetta preferita del momento però è quella dei finocchi gratinati al forno (ma vengono benissimo anche in padella!). Per realizzarla non dovrai far altro che mettere in una teglia rivestita di carta forno i finocchi tagliati abbastanza sottilmente e poi condirli con:

  • sale
  • pepe
  • abbondante parmigiano grattugiato
  • abbondante pangrattato
  • olio evo

Poi in forno a 180° fin quando non vedrai la crosticina croccante.

Impostazioni privacy