Viabilità stravolta in superstrada | Finalmente si cambia

Una vera e propria rivoluzione per gli automobilisti che, finalmente, potranno spostarsi il cosiddetto tappo dei semafori.

La superstrada SS 72, infatti, la maggiore via di collegamento tra Rimini e San Marino vedrà rotatorie al posto dei semafori.

Superstrada da Rimini a San Marino

Senza più semafori, dunque, ci saranno tempi di percorrenza minori e, soprattutto, più agevoli portando, tra l’altro, livelli di sicurezza più elevati. Da anni il problema dei semafori su quella tratta era attenzionato e tema di discussione, finalmente, per la gioia degli automobilisti, si entra ora nella fase operativa.

21 milioni di euro per la riqualificazione della superstrada

Due anni di lavori ed una spesa complessiva di 21 milioni di euro. Il progetto redatto dall’Anas, infatti, è relativo alla totale messa in sicurezza ed alla riqualificazione della superstrada 72. Ad essere interessata dall’intervento è la tratta che da Rimini porta fino a Dogana ed anche oltre. Si parla, quindi, di una strada molto trafficata e di cui, spesso, il traffico è risultato essere lento proprio per colpa dei semafori.

La segreteria per il territorio di San Marino ha presentato, il progetto approvato dal Cipe nel 2019, al congresso di Stato ora si entra nella fase operativa per la quale dovranno solamente essere assegnati i lavori che tra due anni consegneranno una superstrada riqualificata, molto più sicura e, soprattutto, senza il problema dei semafori.

Ss72 Rimini San Marino

Da Rimini, attraverso le parole dell’assessore alla mobilità Roberta Frisoni, viene espressa soddisfazione per quello che è un intervento importante per rendere più fluida la mobilità su una arteria fondamentale per gli spostamenti tra Rimini e San Marino. Da quanto dichiarato dalla Frisoni si evince anche la chiara soddisfazione rispetto al tener fede all’accordo siglato l’anno scorso dalla città di Rimini con la Repubblica del Titano.

Dodici gli interventi previsti per la Ss72

L’auspicio dell’assessore riminese è quello che si proceda in maniera spedita. Oltre l’iter di progettazione e la copertura completa del finanziamento necessario per la realizzazione dell’opera, occorre arrivare in maniera celere all’aggiudicazione dei lavori. Tempi certi e, soprattutto, rapidi, insomma, per l’Assessore Frisoni che parla di una infrastruttura attesa da anni dai cittadini.

In totale gli interventi compresi, nell’opera da 21 milioni di euro, saranno ben 12 tutti riassunti e specificati nel progetto dell’Anas. Si procederà, ovviamente, alla rimozione dei semafori con la realizzazione di alcune rotatorie ad esempio su via del Gatto e quella riguardante via della Grotta Rossa. Ci saranno anche realizzazioni di nuove corsie di uscita ed immissione sulla superstrada e l’allargamento di alcuni tratti.