Morso di vipera: cosa dobbiamo fare nell’immediato

Non è più una cosa rara trovarle, anche, in città. Certo, non è il loro habitat naturale ma, camminando per i boschi, invece, le incontriamo e come.

Cosa fare quando entriamo in contatto con una vipera? E se ne veniamo morsi? Il suo veleno può esser letale? Domande alle quali è necessario rispondere.

Morso di vipera: come dobbiamo difenderci nell’immediato?
photo: pixabay

Vediamo, insieme, quali sono i consigli che gli esperti ci danno quando ci troviamo in questa situazione.

Vipere: cosa fare se le incontriamo?

Il morso di una vipera: la paura, lo spavento, cosa fare in quel momento. Sono tantissime le domande che affollano la nostra mente quando succede qualcosa del genere e la prima cosa che pensiamo di fare è quella di correre al pronto soccorso. Certo, è necessario, ma c’è qualcos’altro da fare prima di andare in ospedale.

Camminando per i boschi, specie con l’avvento della stagione primaverile, non diventa più un caso se ci imbattiamo nelle vipere. Il morso di vipera è un evento raro e riguarda, in particolare, territori rurali o montani. Ma quando accade, cosa è necessario fare per intervenire tempestivamente?

Nel nostro paese ci sono diverse specie di serpenti, ma solo le vipere sono capaci di inoculare veleno nel nostro organismo attraverso il morso. La specie più diffusa, da Nord a Sud Italia, è la vipera comune, ma basta spostarsi in determinate zone del nostro Paese ed è possibile trovare, come ad esempio in Trentino o in Piemonte, altre specie.

Entriamo nello specifico. Cosa fa il morso di vipera? Il veleno di vipera è una sostanza proteica complessa. La sua tossicità è causata da alcuni polipeptidi che si legano a diversi recettori con azioni di diverso tipo in base al sistema aggredito e a dove il morso viene dato: neurotossicità, emotossicità, cardiotossicità.

Morso di vipera: come dobbiamo difenderci nell’immediato?
photo: pixabay

Morso di vipera: come difendersi nell’immediato

Il veleno è costituito da elementi che servono ad immobilizzare, uccidere e iniziare a digerire le prede. Le sue molecole sono grandi e, quindi, non passano facilmente dai tessuti ai capillari sanguigni, ma entrano in circolo nel nostro organismo grazie al sistema linfatico. Il veleno delle vipere italiane di norma non è letale anche se può causare gravi complicazioni che richiedono il trattamento adeguato.

Il veleno ha un’azione necrotizzante a causa di numerosi enzimi che distruggono le proteine delle cellule, alterando anche la permeabilità dei capillari stessi. Il morso di vipera lascia il segno dei denti: si tratta di due forellini di piccolo diametro, distanziati di circa 1 cm uno dall’altro. Cosa fare in questo caso?

  • Non incidere la zona interessata dal morso;
  • Non succhiare il veleno;
  • Non posizionare laccio emostatico;
  • Non somministrare siero antivipera: va somministrato solo da sanitari in ambiente protetto e solo nel caso servisse;

Quando ci si trova una vipera davanti bisogna restare fermi. Iniziamo a battere a terra con i piedi o un bastone: si tratta di un serpente non aggressivo, ma molto sensibile alle vibrazioni del terreno, per cui tende ad allontanarsi.