Granchio Blu m’hai provocato e io me te magno | La ricetta che non ti aspetti

Carnoso, succoso e, a quanto pare, anche di moda. Protagonista dell’estate 2023. Ma sai come cucinare alla perfezione il Granchio Blu?

Granchio Blu

E sapevi che dietro al suo successo si nasconde un’idea geniale?

La prima moda che ha davvero un senso

Dietro la moda culinaria dell’estate si nasconde un’idea davvero geniale. Negli ultimi mesi le acque di mezza Italia sono state letteralmente invase da quello che è stato definito “il killer dei mari“. Un’emergenza tale che nell’ambito del decreto Omnibus il governo italiano ha stanziato ben 2,9 milioni di euro per analizzare, mappare e risolvere la situazione. Da questa situazione emergenziale in quelli di Coldiretti si è fatta largo l’idea geniale: Granchio Blu “m’hai provocato e io me te magno”!

 

Il Granchio Blu

Ma perché questo Granchio Blu è così pericoloso? Il crostaceo in questione, il cui nome scientifico è Callinectes sapidus, è in realtà un esemplare che vive (o meglio, fino a poco fa viveva) soltanto in America ma che in pochissimo tempo è riuscito ad adattarsi alla perfezione, complice il surriscaldamento delle acque, ai climi delle acque del Mediterraneo. Essendo una specie nuova per i nostri mari, avendo la capacità di riprodursi in maniera molto veloce ed avendo una forza incredibile nelle chele questo granchio qui non ha predatori naturali.

Granchio Blu. Foto Web Source

Ma ha, ovviamente, fame e quindi sta facendo razzia di cozze e vongole creando un danno economico notevole alle imprese, prevalentemente venete, che si occupano di pesca itticoltura. Per cercare di arginare il problema si è pensato di trasformare questa invasione in una opportunità. Ed ecco che da killer dei mari il Granchio Blu diventa il protagonista culinario dell’estate 2023.

Le migliori ricette

Spaghetti al Granchio Blu

Per prima cosa i granchi vanno lavati per bene e poi messi a bollire fin quando non diventano rossi.

Granchi blu cotti. Foto Web Source

Bolliti i granchi bisognerà aprirli. Per aprire le chele, forse la parte più ostica, basta usare uno schiaccianoci. Ora bisogna dedicarsi al sugo. In padella bella capiente aglio, olio EVO e scalogno tritato oltre ad un bel peperoncino fresco a pezzetti. Fatto il soffritto bisogna aggiungere il granchio (o a piccoli pezzetti o tritato), lasciar cuocere per pochi secondi. Poi bisogna sfumare con del vino bianco secco e, evaporata la parte alcolica aggiungere pomodorini freschi tagliati a pezzetti. Il sughetto dovrà cuocere per almeno 15 minuti.  Nel frattempo calare gli spaghetti e farli cuocere in acqua bollente salata per pochi minuti. Bisognerà ultimare la cottura della pasta nella padella col sughetto. Se il sughetto si dovesse asciugare troppo basta allungarlo con un po’ di acqua di cottura della pasta.

Granchi alla griglia. Foto Web Source

Granchio Blu alla griglia

E’ sicuramente una preparazione un po’ più complessa per chi non è esperto o per chi non è solito cucinare molluschi ma cuocere sulla griglia un granchio può dare mille soddisfazioni per il palato! Il segreto della ricetta sta nella pulizia del crostaceo che va diviso a metà (in pratica bisogna staccare con assoluta precisione la parte superiore da quella inferiore), pulito alla perfezione e messo immediatamente su griglia rovente. Per la cottura basteranno dieci minuti.

Granchio gratinato

Al contrario di quello alla griglia il granchio gratinato è un piatto facilissimo ma molto scenografico. Bisogna far cuocere i granchi in acqua bollente per 10 minuti o fin quando non diventano rossi. Nel mentre bisogna preparare un mix per gratinatura composto semplicemente da pangrattatoprezzemolosalepepeolio succo di limone. Se lo si gradisce si può aggiungere dell’aglio in polvere. Mescolare per bene.

Pronti i granchi bisogna aprirli avendo cura di non rompere il carapace perché servirà da coppetta in cui inserire il granchio gratinato. E dunque bisogna prendere il carapace e riempirlo mettendo alla base i pezzetti di granchio e in cima la gratinatura. Fatto questo basteranno 5 minuti in forno preriscaldato a 180°.

Impostazioni privacy