Questione di tono | Ecco quanta “voce” ha il tuo cantante preferito

Non è solo l’estensione a rendere unica ed inimitabile la voce di un cantante ma può essere affascinante scoprire chi ha l’estensione più alta.

Estensione vocale. Foto Web Source

Cerchiamo di capire cosa sia l’estensione vocale e chi ce l’ha più alta.

Questione di estensione

Prima di stilare classifiche e parlare di ottave raggiunte bisogna capire per bene che cosa é l’estensione vocale. L’estensione vocale è, detta in maniera semplice, la gamma dei suoni, dal più grave al più acuto, che la voce umana può produrre. Per calcolarla si fa riferimento alla tastiera del pianoforte, in particolar modo alle 7 ottave di cui si compone che sono tutte numerate per poterle riconoscere. Al do centrale di un piano da 88 tasti sono assegnati il numero 3 e la lettera C (la notazione scientifica dell’altezza si esprime in lettere).

Tastiera cifrata. Foto Web Source

Esistono essenzialmente 6 registri vocali (si tratta di gruppi di suoni con caratteristiche acustiche simili). Andando dal più acuto al più grave abbiamo:

  1. Soprano. Il registro più acutodiffuso tra le voci femminili. Appartengono al registro tenorile anche le voci bianche, cioè quelle dei bambini da zero all’età dello sviluppo. L’estensione va da do3 a do5 quindi dal do centrale al do sovracuto.
  2. Mezzosoprano. Come il nome suggerisce si trova a metà tra il registro del soprano e quello del Contralto. L’estensione va dal la grave al si bemolle acuto.
  3. Contralto. Il più grave tra i registri femminili. L’estensione vocale va dal fa2 al sol4. Al giorno d’oggi in realtà sta diventando sempre più raro trovare voci femminili con tale registro. Per questo motivo spesso i ruoli da contralto nella lirica vengono assorbiti dai mezzosoprano.
Cantante lirica. Foto Web Source
  1. Tenore. Il tono più acuto nella gamma delle voci maschili. L’estensione si colloca tra do2 e do4.
  2. Baritono. A metà tra tenore e Basso. L’estensione va tra il la grave e il sol acuto.
  3. Basso. Il tono più grave tra le voci maschili. L’estensione va dal fa grave al fa acuto ma in tutti i bassi la gamma di toni gravi che si può raggiungere è sempre molto varia.

Cantanti con un’estensione acuta

Ma veniamo ad alcuni esempi di estensione decisamente acuta. Per l’Italia abbiamo il celeberrimo Al Bano che arriva alle quattro ottave e mezza. Ci sono poi Marco Mengoni (3 ottave, 3 note e 2 semitoni) e Tiziano Ferro (con 3 ottave e 3 note). Per le donne ci sono la compianta Giuni Russo che riusciva a coprire 7 ottave. Poi abbiamo Mina con 4 ottave e tre toni e a seguire Arisa (4 ottave e 1 tono) e Laura Pausini (3 ottave e 6 toni). Questo solo per citare alcuni esempi. Nell’ambito internazionale abbiamo Mike Patton dei Faith No More con ben sei ottave e, ad esempio, Axl Rose con cinque ottave e tre note. Tra le donne la cantante con l’estensione vocale in assoluto più potente è la brasiliana Georgia Brown con addirittura otto ottave. Per dare un’idea la regina del Natale Mariah Carey si ferma a 4 ottave e quattro note.

Georgia Brown. Foto Web Source

Cantanti con estensione grave

Le note più basse le prendono alla perfezione Andrea Bocelli ( C#2) e Claudio Baglioni (E2). Tra le donne troviamo di nuovo Giuni Russo (B#1) e Mia Martini (D2). Quanto ai cantanti internazionali anche in questo caso sul podio salgono Mike Patton (con un irraggiungibile E bemolle1) e Axl Rose (F1) seguiti da Barry White (F#1). Per le donne primeggiano Nina Simone (E2) e Mariah Carey (F2)

Fuori da ogni classifica: Demetrio Stratos

Totalmente fuori da ogni classifica perché inarrivabile è Demetrio Stratos che riusciva a raggiungere frequenze pari a 7000 Hertz e che aveva un’estensione vocale che, a tutt’oggi, nessuno ha.