Fido ha ucciso ancora. Di chi è la colpa? Ecco la vera risposta ed è disarmante

Due giorni fa è successo a Pavia. Una donna di 86 anni è stata azzannata ed uccisa da un Pitbull. Ma perché i cani attaccano gli uomini?

Pitbull – Photo web source

Posto che non esistono cani buoni e cani cattivi proviamo a capire cosa spinga i cani ad attaccare gli esseri umani.

Quando l’assassino ha 4 zampe

Ribadiamo la premessa già espressa nel sottotitolo: non esistono cani buoni e cani cattivi e, in generale, è improprio accostare i concetti di bontà e cattiveria al mondo animale. Quella che, probabilmente, è l’unica cosa che differenzia l’uomo dagli altri animali è la capacità di decidere: è l’uomo che può decidere se essere buono o cattivo. L’animale non umano vive assecondando gli istinti. Dunque se un cane arriva ad aggredire l’uomo lo fa perché sta assecondando un istinto.

Durante un’aggressione non è utile mettere le mani in bocca al cane. Foto Web Source

L’ultimo caso di cui si è avuta notizia è accaduto lo qualche giorno fa in provincia di PaviaEnrica Bensi, 86 anni, è stata azzannata ed uccisa da un pitbull sfuggito al controllo del suo padrone. Pare che il cane, fino allo scorso sabato tranquillo e pacifico, sia scappato dal cortile di casa e si sia fiondato come una furia sulla povera donna azzannandola al collo e alle gambe. Il cane pareva inarrestabile, il suo stesso padrone non è riuscito a staccarlo dalla donna. La ottantaseienne è purtroppo morta dissanguata davanti agli occhi terrorizzati dei passanti mentre dovrà essere l’Ats Pavia (cioè l’Agenzia di Tutela della Salute) a decidere le sorti del cane.

Ma perché Fido attacca?

Iniziamo sfatando un mito: non è nella natura di nessun animale attaccare le persone. Quindi “il cane attacca ed è aggressivo perché è la sua natura” è una frase totalmente sbagliata. Se un cane é aggressivo con gli uomini fino ad arrivare ad uccidere non lo fa perché “è un animale” ma lo fa perché sta reagendo a qualcosa. Spieghiamo meglio. Tra i motivi che possono portare un cane ad essere aggressivo ci sono:

  • Malattie: ci sono alcuni tumori che, giunti alla fase terminale, attaccano il cervello del cane. E tra le varie conseguenze di questa situazione ci può essere un’insolita aggressività che trae origine sia dal dolore fisico che l’animale prova sia dalla massa tumorale che può premere su determinati nervi del cervello. Ma anche la rabbia in stato avanzato provoca una forte aggressività. Inoltre occhio a fratture o traumi: un cane può farsi del male in innumerevoli modi diversi ma non può comunicarcelo, quindi bisogna fare sempre attenzione.
  • Ineducazione: anche un cane, esattamente come un essere umano, ha bisogno di crescere imparando alcune regole di comportamento. Indipendentemente dalla razza e dalla taglia ogni cane deve essere educato e se non si è in grado di farlo da soli bisogna rivolgersi a professionisti. Un cane ineducato è un cane potenzialmente aggressivo. Anche picchiare un cane per educarlo rende lo stesso potenzialmente molto aggressivo.
Un cane ben addestrato è, potenzialmente, un cane meno soggetto ad essere aggressivo. Foto Web Source
  • Carattere: se è vero, come è vero, che non esistono cani cattivi e cani buoni è altrettanto vero che ogni cane, e in questo influiscono anche la razza e la discendenza dell’animale, ha un proprio carattere. E conoscere le caratteristiche del proprio cane è fondamentale per capire quali sono i metodi migliori per poterlo educare.
  • Stimoli esterni: come detto il cane reagisce agli stimoli. La reazione aggressiva può essere associata alla paura, alle provocazioni (volere per forza accarezzarlo o giocarci o voler per forza provocare una sua reazione aggressiva), al naturale istinto di difendere i cuccioli.

Come calmare un cane aggressivo

La prima cosa da fare è cercare di capire da dove trae origine l’aggressività del cane. Quindi la prima cosa da fare è cercare di capire se il nostro amico a quattro zampe ha dei problemi di salute. Se non ci fossero malattie in corso o traumi da incidente bisogna chiedere consiglio ad un addestratore. La maggior parte dei comportamenti aggressivi è correggibile.

Anche creare un clima sereno ed estremamente pulito (i cani amano la pulizia) in casa può aiutare a tranquillizzare il cane. Insomma: adottare un cane è un gesto nobile ma bisogna educarlo e gestirlo nel migliore dei modi per la sicurezza nostra, sua e degli altri.