San Marino ha cambiato passo | Con Berardi storia riscritta e ora la Nations League

San Marino ha voltato pagina e allo Stadium di Serravalle ha scritto un nuovo capitolo della propria storia calcistica.

Sembra un paradosso parlare in toni trionfalistici di una sconfitta, l’ennesima nei suoi 33 di vita, ma lunedì sera per la nazionale del Titano è accaduto qualcosa di straordinario.

San Marino
Filippo Berardi festeggiato dopo la storica rete e il coach Costantini

Lunedì 20 Novembre 2023 a Serravalle, nella piccola Repubblica di San Marino, la nazionale de La Serenissima affronta la Finlandia nell’ultimo match per le qualificazioni ad Euro 2024. Una partita senza storia dal punto di vista della classifica visto che i sammarinesi sono fanalino di coda del girone a zero punti ed i finlandesi, terzi, che dovranno comunque passare per la lotteria dei Play Off per giungere alle fasi finali della competizione europea. Ma proprio in questo incontro senza storia, San Marino ha fatto la sua storia.

San Marino 1-2 Finlandia

Costantini ha diverse assenze tra squalificati ed infortunati, non sono infatti della partita Fabbri, Di Maio e Nanni. Rinunciare a tre titolari non è semplice neanche per squadre ben più attrezzate ma qui, sul Titano, il vento sta iniziando a cambiare. Il gruppo che si sta creando è coeso e ben determinato a vendere cara la pelle.

“La forza di questa nazionale è il gruppo – dichiarerà a fine partita il selezionatore dei bianco-azzurri – chiunque entra fa il suo”. E in campo si è visto. Sono tre partite in fila che qualcosa di diverso sta emergendo sempre più: la consapevolezza. Una squadra che si sa difendere compatta, con ordine e pressando alta con la prima punta e il 2003 Lorenzo Lazzari, titolare praticamente fisso dal suo esordio con gol nel pareggio con il Santa Lucia del 17 Novembre di un anno fa.

L’undici di partenza vede in campo Simoncini, Franciosi, Rossi, Palazzi, D’Addario, Golinucci, Capicchioni, Mularoni, Tosi, Lazzari e Vitaioli. La Finlandia parte subito forte ma San Marino controlla e va al riposo in parità dopo un paio di buone opportunità non sfruttate da Franciosi, e D’Addario. La ripresa riparte con lo stesso piglio ma purtroppo una svista difensiva al 50° porta al vantaggio dei finnici con Soiri.

Seguono alcuni minuti di sbandamento dove la Finlandia trova il raddoppio ancora con Soiri al 58°. Il pressing degli scandinavi aumenta ed anche le occasioni ma Simoncini si disimpegna sempre con prontezza fino al palo colpito da Hoskonen. Il ritmo cala nel finale e si arriva al recupero. Nel mentre, al 62°, era entrato Filippo Berardi convocato in extremis per il forfait di Nanni.

Berardi ha ripreso da poco a giocare dopo un’annata costellata di infortuni. La punta del Cosmos si cala con personalità nel match tanto che al 97° riceve un filtrante di Capicchioni, entra in area e viene atterrato da Jensen. Calcio di Rigore. Berardi prende il pallone lo piazza sul dischetto e con freddezza “finnica” spiazza il portiere e realizza il suo secondo centro con la nazionale tra l’entusiasmo di tutta la tifoseria.

San Marino
La rete di Filippo Berardi – Photo web source

Tre partite e tre volte in rete consecutivamente; mai successo prima. Una gioia per tutto il movimento calcistico sammarinese che mostra continui miglioramenti e guarda con sempre più ottimismo al futuro.

San Marino: il futuro è adesso

Quello che il tecnico sta ricercando è la crescita nell’approccio al match anche con nazionali di prima e seconda fascia. Con la Danimarca si era visto questo nuovo saper stare in campo che era sfociato nel momentaneo pareggio di Nanni. Una prestazione che si era poi ripetuta anche nella sfortunata trasferta in terra Kazaka con un risultato bugiardo ed ancora una rete segnata. Con la Finlandia arriva quindi la terza rete in tre partite consecutive in 33 anni di storia.

La vittoria continua a mancare ma la fiducia cresce e nella prossima Nations League anche San Marino vuole giocarsela per salire di categoria: “Le basi per lavorare ci sono i ragazzi sono stati encomiabili – ha detto Costantini – Sarei un pazzo a dire che non proviamo a fare una Nations da protagonisti perché i ragazzi se lo meritano. Credo che in questo momento qua hanno una consapevolezza dei loro mezzi come pochi”. 

San Marino
La Brigata Mai 1 Gioia RSM ed in alto Josef Junker – Photo web source

Un augurio anche per gli affezionati, fedelissimi e simpaticissimi componenti della “Brigata Mai 1 Gioia RSM / Curva Giampaolo Mazza” di cui fa parte il tifoso d’eccezione Josef Junker che dalla Baviera viene spesso a seguire la Nazionale Sammarinese e le vicende della Victor squadra che ben sta facendo, da neo promossa, nel campionato italiano di serie D. Una piccola storia di calcio con un grande significato per tutti gli interpreti che questo sport lo vivono ancora con la passione e la dedizione di un dilettante che con umiltà e rispetto si mette in gioco dinanzi ai professionisti.