Accordo San Marino ed Emilia-Romagna per una sanità più efficiente

L’accordo San Marino ed Emilia-Romagna per fare rete e aumentare l’efficienza della sanità migliorando, così, la qualità dei servizi.

Una collaborazione tecnico scientifica e amministrativa in ambito sanitario. Il protocollo firmato prevede, tra l’altro, scambio e fornitura di prestazioni ospedaliere e ambulatoriali.

accordo San Marino ed Emilia-Romagna

L’intesa e la stretta collaborazione tra il Titano e la Regione Emilia-Romagna, del resto, si consolida sempre di più in vari ambiti grazie ai tanti accordi sottoscritti.

L’accordo San Marino ed Emilia-Romagna innalzerà la qualità dei servizi

Fanno ancora rete San Marino ed Emilia-Romagna, dunque, del resto l’Accordo di Cooperazione Economica del 2013, ha portato bnegli anni alla stipula di colaborazioni sempre più strette e a vere e proprie intese tra le istituzioni del Titano e quelle della Regione.

Proprio in queste ore un importante protocollo è stato siglato a Palazzo Begni dall’Assessore alle Politiche per la salute, delle Regione Emilia, Raffaele Donini ed il Segretario di Stato per la Sanità e la Sicurezza Sociale, della Repubblica di San Marino, Mariella Mularoni.

Al tavolo erano presenti anche il direttore generale dell’Ausl di Bologna Paolo Bordon, il direttore Generale dell’Ausl della Romagna Tiziano Carradori e del Direttore dell’Assistenza Ospedaliera Regione Emilia Romagna Mattia Altini. Per il Titano, ad accompagnare il Segretario di Stato Mariella Mularoni: il direttore dell’Istituto di sicurezza Sociale Francesco Bevere.

Rinnovato, dunque, il Protocollo operativo in ambito sanitario tra le due parti. Si tratta di rendere più efficiente la sanità e la qualità dei servizi legati in questo ambito. Una collaborazione tecnico-scientifica tra i due enti ma anche amministrativa che porterà ad uno scambio di fornitura e di prestazioni ospedaliere e ambulatoriali.

Il protocollo in ambito sanitario sancisce le ottime collaborazioni in campo

Il protocollo si regge sulla contiguità geografica dei due territori e, quindi, sulla relativa sovrapponibilità epidemiologica delle patologie. All’interno del’accordo sono, altresì, previste uans erie di scambi di servizi che potranno riguardare, ad esempio, ricoveri, visite e prestazioni di altro genere.

Protocollo sanitario San Marino ed Emilia-Romagna

Il cittadino, insomma, il diritto alla salute, al centro dell’intesa tra San Marino e la Regione Emilia-Romagna. Innalzare e migliorare i livelli di qualità e di competenza del sitema sanitario sono la base del Protocollo che avrà validità fino al 31 gennaio 2025.

Scambi nel settore di sangue, emoderivati e medicina trasfusionale e supporto in campo amministrativo, in particolare per il servizio farmaceutico, sono gli altri punti salienti al centro di questa importante intesa tra gli enti. Ci saranno, poi, dei veri e propri percorsi condivisi di politica sanitaria, socio-sanitaria e sociale.

La collaborazione ed una stretta sinergia, con la finalità ultima di migliorare il servizio sanitario ed innalzare la qualità delle cure verso la persona, sono alla base dello spirito che ha spinto le due parti a rinnovare questo significativo accordo.

“Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino – dichiara l’assessore Donini – condividono il valore di una sanità universalistica e la collaborazione che oggi rinnoviamo intende offrire maggiori possibilità di cura per i cittadini dei due territori”.

Alla soddisfazione manifestata da Donini fa eco quella del Segretario di Stato Mularoni che, infatti, dichiara: “Un onore ed un privilegio per la Repubblica di San Marino – commenta il Segretario di Stato Mularoni – continuare ad avvalersi della proficua e sinergica collaborazione con la Regione Emilia-Romagna in ambito sanitario e non solo”.