Quello che non sai sul panettone | Un piccolo segreto da conoscere

Non tutti sanno che l’origine del panettone ha a che fare con un Pontefice. Sembra strano ma è così: la storia ci insegna.

Lui è il re in assoluto dei dolci, l’immancabile, che presentiamo per tradizione sulle nostre tavole per condividere la gioia di stare insieme con i nostri cari.

Quello che non sai sul panettone | Un piccolo segreto da conoscere
photo web source

Il panettone: simbolo del Natale. Scopriamo insieme la sua storia e il perché di questo legame speciale.

Il panettone ha origini…diverse

Quando si pensa al panettone difficilmente immaginiamo che possa essere un dolce che abbia delle origini cristiane.

La ricerca delle sue origini ci ha portato, niente meno, che a Roma. E’ un dolce nato dalla fantasia di uno chef di un Pontefice insieme a un prigioniero cattolico nel pieno del XVI secolo: è da qui che parte la tradizione che possiamo, anche in parte, definire cristiana.

Bartolomeo Scappi, chef al servizio di Papa Pio V, aveva deciso di stupire Sua Santità con un dolce particolare che partisse da una base di impasto e uvetta. Questo dolce particolare, doveva essere inserito all’interno del menù “papale”. Non c’è però una data precisa che faccia riferimento al periodo di Natale per questo determinato dolce.

Ciò che stupisce, però, è che questo dolce divenne, da quel giorno, una delle pietanze più gradite a tavola, nel pieno dei giorni di festa, e non solo natalizi.

Quello che non sai sul panettone | Un piccolo segreto da conoscere
Papa Pio V – photo web source

Dal Papa a Ludovico il Moro, il passo è breve

Se vogliamo ricercare la storia che lo lega al periodo di Natale, però, dobbiamo arrivare a Ludovico il Moro. Il dolce fu introdotto nel menù regale del signore di Milano la sera della Vigilia di Natale. Lo chef aveva preparato un budino natalizio, ma l’aveva lasciato bruciare in forno. Un panettiere, grazie al suo ingegno, decise di riempire quel che restava del budino con uvetta, zucchero e noci.

Ludovico il Moro apprezzò talmente tanto quel piatto, così diverso dal solito, da chiamarlo “Pan de Toni”, dal nome del panettiere (Toni appunto) che aveva creato questo dolce dal buonissimo gusto.

La tradizione del panettone come dolce di Natale a Milano arriva ufficialmente solo a partire dal 1920. Il tutto parte dal fornaio Angelo Motta: quello che era un “budino bruciato e salvato”, assumerà la classica forma a cupola che conosciamo noi oggi.

Così la tradizione gastronomica si unisce a quella cattolica, in un connubio perfetto per festeggiare il tempo del Natale.

Impostazioni privacy