San Marino e Catania nel nome di Sant’Agata | Sul Titano arriva dalla Sicilia la reliquia della Santa

Oggi, 5 febbraio, sul Titano si celebra la festa di Sant’Agata, uno degli avvenimenti più sentiti ed aspettati dell’anno per San Marino.

Quest’anno da Catania è arrivata una reliquia della Santa, con l’autentica della Diocesi di appartenenza, che verrà esposta alla venerazione dei fedeli.

Festa Sant'Agata
Festa Sant’Agata

Grazie all’interessamento di Mons. Andrea Turazzi, infatti, con la concessione e l’autorizzazione dell’Arcivescovo di Catania Mons. Luigi Renna, questo è stato possibile.

Il 5 febbraio si celebra la festa di Sant’Agata

La festa di Sant’Agata è uno degli eventi più importanti e attesi nella Repubblica di San Marino. Questa festa religiosa si celebra il 5 febbraio in onore della Santa compatrona di San Marino e patrona di Catania.

Come ogni 5 febbraio si terrà la solenne processione di Sant’Agata. La statua della santa viene portata in una suggestiva processione per le vie del centro storico di San Marino, accompagnata da fedeli in abiti tradizionali, musiche e canti sacri.

Quest’anno, però, la presenza di una reliquia autentica della Santa rende tutto molto più suggestivo. I fedeli potranno, infatti venerare la reliqua pregando in sua presenza. Custodita nella Basilica del Santo Marino, infatti, durante tutti i festeggiamenti sarà esposta nella Cripta di Sant’Agata dove i fedeli potranno appunto onorarla e venerarla.

In mattinata, come tradizione, ci saranno le quattro sante messe dedicate proprio alla compatrona del Titano, nel pomeriggio, invece, la tradizionale procesione che da Borgo Maggiore raggiungerà la Pieve.

Come da tradizione, come da sempre avviene, sarà cantato l’Inno a San Marino per poi concludere con il Te Deuma e la benedizione finale. La tradizione, d’altronde, resta invariata da secoli. Dal 5 febbraio del 1740, la data emblematica, della riconquista della libertà, dopo l’occupazione del Cardinale Alberoni.

Tradizione e devozione per la compatrona di San Marino

Un protocollo collaudato con i Capitani Reggenti che dalle 11:00 insieme al corteo partono da Palazzo Pubblico per giungere alla cripta di Sant’Agata.

reliquia Sant'Agata

Santa Agata nacque in una famiglia nobile di Catania e decise di consacrarsi a Dio, dedicandosi alla preghiera. Tuttavia, il suo voto di castità suscitò l’ira del governatore romano Quinziano, che la sottopose a terribili torture tra cui la decapitazione.

Santa Agata subì queste torture con grande coraggio e determinazione, rimanendo fedele a Dio fino alla fine. La sua figura è stata celebrata nel corso dei secoli come un modello di fede e virtù.

Sia in Occidente che in Oriente, Sant’Agata è ricordata con grande devozione e la sua iconografia raffigura spesso la santa con una palma e una pinza, simboli della sua morte e della sua resistenza alle torture.

A Catania, la festa di Santa Agata è un evento molto sentito dalla popolazione, che partecipa alle celebrazioni con grande devozione. La stessa devozione e lo stesso sentimento popolare e religioso che muove la Repubblica di San Marino in questo giorno eccezionale.

Impostazioni privacy