Scuola media torna il Latino | Per il Ministro dell’Istruzione non è solo un’ipotesi

Un’ipotesi che potrebbe far storcere il naso a tanti studenti, ma che potrebbe invece essere una valida scelta. A portarla avanti è stato proprio il Ministro dell’Istruzione.

Valditara, infatti, ha ipotizzato la reintroduzione dell’insegnamento della lingua latina a partire già dalle scuole medie.

Il Latino torna a scuola media | Un’ipotesi possibile, secondo il Ministro dell’Istruzione
photo web source

Quanto, questa scelta, sarà accettata da insegnanti e studenti?

Il latino a scuola media?

Una scelta non del tutto sbagliata, non solo per il recupero della lingua delle nostre origini, ma anche per capire e conoscere da dove l’italiano “sia nato” e, di conseguenza, anche conoscere tutte quelle che sono le sue regole grammaticali. La lingua latina viene insegnata alle scuole superiori, con particolare predilezione al Liceo Classico e al Liceo Scientifico tradizionale.

Sono in pochi, però, gli studenti che si sono approcciati al latino già alle scuole medie, se non per progetti extra scolastici pomeridiani o per una sorta di avviamento alle scuole superiori, con indirizzo classico o scientifico stesso. Ma è stato lo stesso Ministro dell’Istruzione, Valditara, nel suo libro di recente pubblicato, a ipotizzare la reintroduzione dell’insegnamento della lingua latina anche alle scuole medie.

Elementi di base, ovviamente, ma che servirebbero a rafforzare e a contribuire all’arricchimento dello studio della lingua antica stessa. A spiegarlo è lo stesso ministro che affianca lo studio della lingua latina, con le sue regole grammaticali, anche alla matematica. Entrambe rappresentano una palestra ideale per il ragionamento logico.

Il Latino torna a scuola media | Un’ipotesi possibile, secondo il Ministro dell’Istruzione
photo web source

Ecco l’ipotesi del Ministro Valditara

Insegnare matematica, anche se alle scuole medie, non è sempre facile e, per molti è un’impresa ardua. Nel suo libro, il Ministro si pone proprio questo interrogativo, ovvero riuscire a far capire che la matematica non è del tutto slegata dalla realtà che ci circonda, ma è uno strumento valido per poterla interpretare.

E allo stesso tempo, può diventarlo anche la lingua latina. Le sue regole grammaticali, infatti, aiutano il ragionamento, oltre a far capire come si è arrivati alla lingua italiana che usiamo noi oggi. Guardare al mondo della conoscenza con un occhio diverso, con uno sguardo nuovo e, soprattutto, anche con uno sguardo proteso perché no al passato.

Da lì, l’ipotesi che andrebbe valutata a pieno, dell’introduzione (del suo ritorno, in verità) dell’insegnamento del latino anche alla scuola media.