14°Grand Prix de Monaco Historique 2024 | Incidente per il pilota di San Marino, Bianchini

Lo avevamo lasciato con un grande sogno nel cassetto, quello di diventare pilota di Formula 1. Ci è riuscito, ma con un piccolo (purtroppo) intoppo per lo mezzo.

Stiamo parlando di Marco Bianchini, primo pilota smmarinese nella storia a guidare un’auto di Formula 1. Ma qualcosa è andato storto.

14°Grand Prix de Monaco Historique 2024 | Incidente per il pilota di San Marino, Bianchini
Marco Bianchini nella sua auto da corsa – photo UFFICIO STAMPA FAMS

Un incidente nelle prove libere del. Cerchiamo di capire cosa è successo.

Paura in pista

Un circuito, quello di Montecarlo, e una delle corse più sognate da tutti i piloti di Formula 1 e non solo. Il 14°Grand Prix de Monaco Historique 2024 ha visto, per la prima volta, vedere parteciparvi anche al Repubblica di San Marino, con il suo pilota Marco Bianchini. La festa era stata grande, perché si trattava del primo pilota sammarinese a correre su quel tracciato.

Ma qualcosa, purtroppo, non è andato secondo i piani. Un incidente stradale e sono state pesanti le conseguenze per la sua Shadow Dn5. Per fortuna, per lo stesso Bianchini, nessun ferimento o danno alcuno. Ma cerchiamo di capire cosa è successo nel dettaglio.

Un piccolo assaggio di gloria fra i grandi ma che, purtroppo, è sfumato subito. Lo stesso Bianchini, ricordiamolo, era ad una delle sue prime esperienze in Formula 1 e, proprio durante le prove libere, un pesante incidente che lo ha visto coinvolto, ha seriamente danneggiato la sua Shadow Dn5: “Nella salita Santa Devote, mi ero appena spostato per bandiera blu.

photo: UFFICIO STAMPA FAMS

Il pilota sammarinese Bianchini: “Vivo per miracolo”

Passata la vettura, comincio a chiudere a corda verso sinistra perché dagli specchietti non vedevo altre macchine. Sento un grande colpo sul lato sinistro, che mi spezza un braccetto dello sterzo e trancia un tubo dei freni. Senza potermi fermare, incappo in una carambola tra i rail. Quando la “giostra” finisce, la Shadow è ridotta davvero male… Un sogno di una vita che in un millesimo di secondo si polverizza” – ha spiegato con rammarico il pilota.

Mi sento un mezzo miracolato per esserne uscito senza un graffio” – ha concluso lo stesso Bianchini, dopo il grande spavento preso subito dopo l’incidente. Ora già guarda ai suoi prossimi obiettivi, meditando addirittura di iscriversi a tutte e tre le categorie previste dalla Formula 1 storica, con macchine che coprono un arco temporale dal 1973 al 1985.

Leggi anche—> San Marino: sognava di guidare una Formula 1 | Marco lo farà proprio nella suggestiva Montecarlo

Impostazioni privacy