Come San Marino è arrivato alle pendici del Titano? Un manoscritto lo rivela

Un manoscritto che rivela, ancora di più, la storia della Repubblica di San Marino ma, soprattutto, del Santo dal quale essa stessa prende il nome.

Un pezzo di storia della piccola Repubblica che è tornato alla luce e che ha permesso a tutti i suoi cittadini e agli studiosi del genere, di poterla conoscere anche nei suoi minimi dettagli. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Come San Marino è arrivato alle pendici del Titano? Un manoscritto lo rivela
Manoscritto Vita di San Marino – photo: Segreteria di Stato all’Istruzione

La storia dei Santi Marino e Leone e di come essi stessi sono arrivati a stabilirsi alle pendici del Monte Titano.

La riscoperta della storia di San Marino

Una storia che, ogni giorno, rivela sempre nuovi e più particolari dettagli, specie se si tratta di ricostruire la storia di uno Stato quale proprio la Repubblica di San Marino. Un reperto storico e letterario che ha fatto la gioia di tanti studiosi locali ma, anche, di coloro che vengono dall’estero e che sono interessati sia alla parte storica che alla parte religiosa della Repubblica.

È stata presentata al pubblico, mercoledì, la riproduzione facsimilare del manoscritto F III 16, conservato a Torino nella Biblioteca Nazionale Universitaria, che contiene il testo più antico della “Vita Sanctorum Marini et Leonis”. Si tratta, infatti, di un pezzo di storia che ci aiuta a capire come i due Santi siano arrivati a stabilirsi alle pendici del Monte Titano dalle coste della Dalmazia, da dove essi stessi provenivano.

Dal manoscritto è possibile capire che essi hanno attraversato il Mare Adriatico e che costituisce un primo ed essenziale riferimento per l’esistenza stessa della Repubblica di San Marino.

Come San Marino è arrivato alle pendici del Titano? Un manoscritto lo rivela
Manoscritto Vita di San Marino – photo: Segreteria di Stato all’Istruzione

Il manoscritto della vita del Santo

La pubblicazione di questo manoscritto rappresenta uno dei passi delle iniziative messe in campo a sostegno della candidatura per l’iscrizione del progetto al Registro UNESCO Memory of the World, depositata il 30 novembre 2023 ed ora al vaglio della Commissione Generale UNESCO di Parigi, come scritto anche sulla pagina Facebook della Segreteria di Stato per l’istruzione e la Cultura.

San Marino accede a questo programma per la prima volta nella sua storia con questo manoscritto. Cosa c’è scritto al suo interno? Il processo con cui, nel IV secolo d.C., il Santo gettava le basi per una comunità civile e religiosa fondata su valori attualissimi di pace, rispetto e giustizia. Il facsimile riporta in maniera assolutamente fedele tutti gli aspetti materiali del manoscritto originale, consente una perfetta visione paleografica e codicologica, con diverse esemplificazioni di rari dettagli interni al codice, spiega la Segreteria di Stato all’Istruzione.

Un momento particolare e di onore per la storia della Repubblica di San Marino.

Impostazioni privacy