Caldo, zanzare e zecche: un trio letale per la nostra salute | Qual è il rischio e come proteggersi

C’è un pericolo in agguato per la nostra salute, un altro, dovuto proprio all’arrivo del caldo. Caldo, zanzare e zecche, infatti, sarebbero un vero e proprio allarme medico.

L’estate porta con se il caldo asfissiante ed una afa insopportabile, l’aumento delle temperature, però, comporta anche una autentica invasione di zanzare e zecche.

caldo zanzare e zecche

Questi fastidiosissimi insetti, capaci di pungerci, possono essere un autentico attentato alla nostra salute. La loro puntura può trasmettere, infatti, malattie anche gravi.

Caldo, zanzare e zecche, perché fare attenzione

L’estate è sicuramente la stagione più bella dell’anno, almeno per la maggioranza delle persone, porta con se le ferie estive, la possibilità di concedersi una vacanza, le spensierate giornate al mare o delle rigeneranti gite fuori porta magari al fresco in montagna.

C’è da dire, però, che la stagione estiva porta con se anche dei veri e propri fastidi. Il caldo torrido, specialmente degli ultimi anni, ci pone sempre più spesso dinanzi a giornate in cui non si riesce nemmeno a respirare. Il pericolo, però, dovuto al caldo torrido ed all’afa che, di anno in anno, si fa sempre più asfissiante è legato al proliferare di insetti quali zanzare e zecche. Questi insetti, infatti, sarebbero degli autentici portatori di malattie. Per quanto riguarda le zanzare, in particolare, l’aumento delle temperature hanno permesso lo sviluppo di altre due specie: l’Aedes albopictus e Aedes aegypti. Sarebbero proprio queste ultime specie, in particolare, ad causare la trasmissione di malattie ed infezioni.

Ad affermarlo non siamo certo noi ma, bensì, la scienza. E’ in primis il primario del reparto di Malattie infettive del San Martino di Genova, Matteo Basetti, ad essere preoccupato ed a lanciare l’allarme. Lo specialista afferma che tramite zanzare e zecche possono trasmettersi malattie anche gravi ed è per questo che c’è la necessità, impellente, di intervenire.

Per dare qualche dato è opportuno ricordare che tramite la puntura di zanzara si possono trasmettere malattie quali il virus West Nile. Nel 2022 questo virus è entrato in Italia ed ha avuto proprio nel Belpaese il numero più elevato di casi di tutta la comunità europea. La chikungunya sarebbe l’altra patologia legata alla puntura di insetti, specie le zanzare, capace di infettare l’uomo. Questa malattia che provoca febbre e forti dolori si è particolarmente diffusa in provincia di Ferrara.

Come proteggersi dalle punture degli insetti

Bisogna, quindi, prestare molta attenzione e fare ricorso a piccoli accorgimenti che possono, in qualche modo, aiutarci ad essere punti ed anche ad evitare il proliferare sconsiderato di questi insetti.

zecca sul terreno
Zecca in agguato sul terreno

Bisogna stare attenti ed evitare il ristagnare di acque nei giardini, sui terrazzi e nelle abitazioni. E’ proprio in quei ristagni che le zanzare trovano l’habitat adatto per proliferare. Per evitare, poi, di entrare in contatto con questi insetti, almeno in casa, è opportuno l’uso delle zanzariere (tra l’altro ci sono bonus a riguardo che possono facilitare l’installazione delle stesse), usare dei repellenti da applicare anche sulla pelle nel caso di soste all’esterno diventa una necessità se si cena fuori, si fa una passeggiata o altro.

In montagna, o comunque in zone dove la vegetazione è più folta, è possibile incappare nelle zecche. Anche qui bisogna stare attenti ad evitare ogni contatto. Maglie a maniche lunghe, pantaloni lunghi e scarpe chiuse serviranno a non esporre parti della nostra pelle al morso di zecche.

E’ opportuno, poi, vestire con colori bianchi o almeno chiari in modo da individuare subito le zecche nel caso si attaccassero ai nostri vestiti. Evitare di sedere direttamente sul terreno o su muretti dovrebbe, comunque, metterci al sicuro da fastidiose punture.

Impostazioni privacy